articoli, sport

Harakiri Milan

Partita perfetta, ma il Gallo canta due volte

di Alessio Corsini

La migliore partita del Milan della gestione Giampaolo non coincide con una vittoria, a spuntarla è il Toro trascinato dal bomber nonché capitano Andrea Belotti.

I rossoneri giocano un primo tempo ad alti livelli: Piatek e Co. impensieriscono a più riprese la retroguardia granata e al 18° Piatek firma il vantaggio realizzando il rigore procurato dal compagno di reparto Rafael Leao; quest’ultimo rende Sirigu protagonista con una parata in controtempo su un suo colpo di testa molto angolato.

Nella ripresa il Milan va subito vicino al raddoppio con un’iniziativa personale di Romagnoli che si infila tra i due difensori Bremer e Lyanco, serve poi Piatek al centro ma il polacco spreca.
Al 72° Belotti si mette in proprio, sfida la difesa rossonera e sorprende Donnarumma con un tiro non angolato ma ben calibrato.

Dopo il pareggio il Milan si disunisce, il Torino galvanizzato completa la rimonta e Belotti con una rovesciata fa esplodere la “Maratona”.

Nel finale Piatek cestina un’occasione importante e si fa ipotizzare da Sirigu.
6 punti in 5 partite, Giampaolo è già sulla graticola.
Mangerà il panettone milanese?

impressioni di viaggio

…dal viaggio studio a Edimburgo

di Sofia Antonioli, Fabio Baldelli e Benedetta Parodi

Le impressioni di Sofia

Il viaggio studio è un’esperienza fantastica che consiglio a tutti. Questo era il mio primo anno e la meta è stata Edimburgo, capitale della Scozia. Devo dire che il viaggio è stato organizzato davvero bene e inoltre ho avuto la fortuna anche di capitare in una bella casa. Per chi non lo sapesse questi viaggi funzionano così: si vive in una famiglia locale, si va a scuola al mattino, al pomeriggio si fanno ogni giorno delle attività diverse e, se resta del tempo, si va in centro; poi la sera si ha anche la possibilità di tornare a scuola per stare un po’ tutti insieme e fare vari giochi di gruppo.

Siamo partiti domenica 8 settembre, la mattina, da Carrara per arrivare a Milano Malpensa e da lì abbiamo preso il volo; un ragazzo più grande ha avuto un problema con il documento di identità così non si è potuto imbarcare, ma per fortuna è riuscito a prendere un volo e ci ha raggiunto il giorno seguente.

Appena arrivati in UK siamo andati a scuola, dove ci aspettavano le varie famiglie per portarci a casa. Dal giorno successivo è iniziata la routine e dopo i cinque giorni di scuola ad ognuno dei partecipanti è stata riconosciuta una certificazione linguistica in base al livello raggiunto. Il sabato è stato invece occupato da una visita e dalla preparazione delle valigie…ahimé per tornare in Italia.

Per me è stata un’esperienza intensa e bellissima che mi ha fatto crescere, imparare a darmi degli orari, mi ha permesso di visitare un sacco di posti nuovi e soprattutto mi ha aiutato a parlare meglio una lingua straniera importante come l’inglese.

Le impressioni di Fabio

Durante l’anno scolastico 2018/2019 a noi alunni del liceo classico Repetti è stato proposto di partecipare ad un viaggio studio, organizzato dalla professoressa Luciana Tomassi. Meta scelta Edimburgo, capitale della Scozia. Avevamo l’occasione di vivere in una famiglia scozzese e di visitare una capitale, occasione che io ed altri quattro miei compagni di classe abbiamo deciso di non farci sfuggire.

E così l’8 settembre siamo partiti per un’avventura indimenticabile. Una volta atterrati ci siamo diretti in autobus verso la Mackenzie School of English, la scuola dove le mattinate seguenti avremmo avuto le lezioni di inglese. Ad aspettarci c’erano i nostri tutori, o come vengono definiti in inglese, i nostri “Host Parents”. Proprio lì il mio compagno Lorenzo ed io abbiamo conosciuto la nostra Host Mom, Nick, che nel corso della settimana si è rivelata essere una delle persone più dolci e gentili di tutta la Scozia. Casa sua era molto carina, Lorenzo ed io avevamo una bella stanza tutta per noi e non avevamo molte restrizioni da parte di Nick. Ci siamo trovati anche molto bene per quanto riguarda il cibo: non ci aspettavamo di trovare cibo così buono così lontano da casa. A parte quella volta in cui Nick ha cercato di uccidere Lorenzo offrendogli della pasta al pesto, contenente ingredienti che lo avrebbero condotto ad un destino fatale. Quando l’abbiamo informata lei, dopo aver imprecato ripetutamente, si è scusata molte volte con Lorenzo e gli ha subito preparato altro.

Andiamo per ordine. Il primo giorno è stato il momento di un test iniziale svolto da tutti gli alunni in modo tale da essere divisi per classi in base alla padronanza della lingua inglese. Successivamente sono subito iniziate le lezioni, che nel corso della settimana ho trovato molto interessanti e, a tratti, divertenti. Ogni giorno a scuola facevamo attività circa un certo argomento, come lo sport, i sogni, le storie, i modi di dire, gli spot pubblicitari e l’educazione. Questi ultimi due sono stati quelli che ho apprezzato maggiormente, perché nel primo ho avuto la possibilità di realizzare uno spot su una marca di crocchette di pollo frizzanti e di uccidere il mio prof. con un pollo, e nel secondo di fare una lezione-gioco sulla letteratura italiana ottocentesca in qualità di insegnante.

Ogni pomeriggio abbiamo fatto varie escursioni accompagnate da attività in inglese. Il lunedì è stata organizzata una sorta di caccia al tesoro nel cuore della città. Pochi sono riusciti a concluderla. Perché? Posso solo dirvi che ci siamo persi, ma la vera risposta rimarrà nei negozi del centro. Tra l’altro gli accompagnatori hanno ritrovato un tablet, con cui dovevamo svolgere l’attività, al negozio di Harry Potter, probabilmente si è perso anche lui!

Durante la nostra avventura, oltre ad aver esaurito il credito delle carte nei negozi, abbiamo visitato il Royal Botanic Garden, lo Scottish National Museum, il castello di Edimburgo, l’acropoli della città e la National Gallery of Modern Art. Inoltre giovedì gli accompagnatori ci hanno guidato in un Harry Potter Tour per la città, grazie al quale abbiamo potuto conoscere la storia di vari monumenti e di visitare un vecchio cimitero scozzese, dove J.K. Rowling si è ispirata per alcuni nomi dei protagonisti della saga. Sabato abbiamo visitato il monumento a Wallace a Stirling; ci siamo ritrovati a dover affrontare scale a chiocciola in pietra che sembravano non finire mai, ma siamo arrivati in cima alla torre, dalla quale si poteva ammirare un panorama grandioso. Proprio sulla torre è accaduto un episodio molto divertente: il mio compagno Federico ha fatto cadere le cuffiette bluetooth dell’Iphone dalla torre, le quali però sono rimaste appoggiate su di una canaletta di scolo in pietra. Le cuffiette erano irraggiungibili, o così credevamo, ma grazie ad un utensile speciale e alle lunghe braccia di Alessandro siamo riusciti a recuperarle. L’euforia era immensa. Ci siamo sentiti più felici di William Wallace dopo la vittoria allo Stirling Bridge.

Visitando questi luoghi abbiamo avuto l’opportunità di ammirare magnifici panorami, osservare varie opere d’arte e imparare molte cose nuove. Abbiamo avuto del tempo libero e ciò ha portato, già nel secondo giorno, ad un’esperienza unica con gli autobus: Lorenzo ed io purtroppo per tornare a casa siamo saliti sull’autobus sbagliato, perciò abbiamo dovuto fare un bel pezzo a piedi.

Per quanto riguarda le fredde serate edimburghesi le abbiamo passate a scuola, giocando e chiacchierando. Alcune però erano speciali: il giovedì sera infatti ci siamo cimentati nelle fatidiche danze scozzesi. Ne siamo usciti molto sudati ma molto compiaciuti. È stata una serata divertentissima, piena di risate, inciampi vari, gente altamente scoordinata e ragazzi in gonnellino, che si è conclusa con l’esibizione di un vero scozzese che suonava la cornamusa. Uno dei momenti migliori è stato proprio quando io ed altri compagni, accompagnati dalla musica, abbiamo indossato dei costumi tipici scozzesi.

Nel complesso abbiamo passato una settimana bellissima, alle prese con autobus, inglese, shopping e cibo.

Nick ci mancherà molto e non vediamo l’ora, un giorno, di poter ritornare a Edimburgo.

Le impressioni di Benedetta

Non sapere, non conoscere, essere piccola davanti a un luogo sconosciuto, a nuove opportunità, ad un nuovo viaggio. Questo era quello che provavo quando ero sull’aereo in direzione Edimburgo. Dall’alto le montagne grandi e maestose, ormai pronte per l’arrivo dell’inverno, mostravano i loro primi pizzetti bianchi sul mento ossuto e spigoloso.

Volo sulle nuvole, sono solo un puntino bianco immerso in un mare di grandezza; mi sento leggera e potente perché riesco ad essere più in alto di qualsiasi cosa.

Edimburgo è una città che al mio sguardo è infinita, ma in continua evoluzione come l’universo, coccolata dalle calde colline alle spalle e un freddo mare del nord davanti a sé. La completano le numerose casette costruite in serie ed alternate a luoghi verdi che sembra di essere in paradiso.

Vedute di Edimburgo dal Castello

Era la prima volta che senza i miei genitori andavo in un altro paese, in una nuova città dove il saper parlare era “il pane del giorno”.

Questa vacanza mi ha fatto crescere in tutti gli ambiti: culturale, relazionale, ma soprattutto nel credere più in me stessa sfruttando al massimo la mia memoria e la certezza sulle cose da svolgere. La vacanza da soli è come un salto dalla scogliera: all’inizio sei un po’ titubante, ma poi dopo esserti lanciato ti chiedi “Ma perchè non l’ho fatto prima?”

in fact the unknown is the sugar of the soul

(infatti l’ignoto è lo zucchero dell’anima)

impressioni di viaggio

…dal treno, direzione Amantea

di Sara Tesconi

Per quanto possa sembrare strano, è l’una di notte e sono in treno con la mia famiglia, diretta verso Amantea, una città sul mare in Calabria; è già tardi ma non riesco ad addormentarmi a causa delle ansie e delle paure che affollano la mia mente e pare non abbiano intenzione di uscirne. Il motivo per cui sento il bisogno di scrivere è proprio questo: ho bisogno di sfogarmi e cercare di liberare la mente da questi strani pensieri. Non so proprio perché continuo ad avere paura…sono abituata a prendere spesso il treno, certo di notte però ha tutt’altro effetto! Probabilmente il buio mi fa sentire impotente e non riesco a vedere cosa ci sia fuori dal finestrino, tranne alcune stelle che sembra vogliano farmi compagnia lungo il tragitto. Inoltre dei brividi lungo la schiena mi fanno tremare ogni volta che le ruote smettono improvvisamente di girare e si fermano in punti isolati, lontani dalle stazioni. Ho costantemente il terrore che possa accadere qualcosa di brutto e che il treno deragli di colpo, mentre qui i viaggiatori stanno dormendo un sonno profondo. Per cacciare via queste mie fobie penso alla vacanza in Calabria: mi divertirò? farà caldo? il Sud sarà bello come sostiene la maggior parte delle persone? Per me è la prima volta. Non so cosa aspettarmi, ma mi aspetto da questo viaggio dei cambiamenti nei rapporti con la mia famiglia durante le calde giornate di mare: ogni volta che si parte si costruiscono nuovi ricordi che, per quanto piccoli, rimarranno indelebili nel cuore. Mi auguro di poter migliorare i rapporti con mio fratello Enrico: nella vita di tutti i giorni ci consideriamo poco, perciò voglio sfruttare questi giorni di vacanza al meglio, per rafforzare il nostro legame.

Sta calando il silenzio nella cabina in cui mi trovo. Auricolari, playlist, il timbro dolce e ovattato di una giovane cantante americana: solo così, finalmente, riesco a sentire gli occhi pesanti e mi ritrovo costretta a chiuderli, abbandonandomi al sogno, coccolata da una voce candida.

Ecco. Li riapro. Finalmente Amantea.