riflessioni, sport

“Lasciate ogni speranza o voi che entrate”

di Ludovico Begali

Prima di ogni partita con la mia squadra di calcio, mi immergo nei miei ricordi calcistici. Dai primissimi calci al pallone fino ad oggi, mi tornano in  mente le stesse emozioni che da quando ero piccolo riempiono la mia anima di gioia e amore per questo sport.

Uno dei miei luoghi calcistici preferiti è la “Fossa dei Leoni”, attuale campo della Società Atletico Carrara Dei Marmi, nella quale io gioco. Il campo della Fossa, come è comunemente conosciuto a Carrara, ha un grande valore storico perché è il campo che ha ospitato, dalla sua fondazione fino al 1955, la Carrarese, la principale squadra della mia città che oggi milita in serie C. Questo campo ha visto imprese epiche ed anche il periodo di massimo splendore della squadra locale: tra il 1946 e il 1948, infatti, la Carrarese ha partecipato al campionato di serie B, tuttora miglior risultato sportivo avuto dal club. La Fossa, chiamata così per il suo dislivello rispetto alla strada, diventò in quegli anni un fortino inespugnabile per qualunque squadra venisse a giocare a Carrara. La vicinanza del campo ai tifosi carraresi, sicuramente tra i più “rumorosi” e appassionati di tutti i campionati, creava un ambiente molto minaccioso che impauriva gli avversari della squadra locale e gli arbitri.

Lì, in quel campo, si è scritta la storia calcistica della mia città. Pensarci, ogni volta che batto con le mie scarpette su quel terreno, mi dà una motivazione smisurata. Nel mio piccolo, ritengo che giocare alla Fossa dei leoni sia un grande onore per l’importanza che ha avuto quel campo. Su uno dei muri che circonda il perimetro di gioco, vi è dipinta una scritta che dice “Lasciate ogni speranza o voi che entrate”:  il verso di un canto dell’Inferno dantesco che si addice pienamente alla caratteristica di questo posto: chiunque entri qua, non ha speranza di uscire vittorioso. La stessa scritta che leggevano gli storici giocatori della Carrarese negli anni della B, ogni volta che entravano in campo. Quelli che ottennero questo grande risultato sportivo soprattutto grazie alla spinta emotiva che porta con sé la mitica Fossa Dei Leoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...