fantasie ecologiche, NNLC Notte Nazionale del Liceo Classico

“There is pleasure in the pathless woods” – Quarta parte

The Wanderer above the sea of fog

Oh, guarda  questo quadro, The Wanderer above the sea of fog, di chi è (si avvicina per leggere il nome dell’autore), …Frie…drich.  Da dietro mi  sembra la silhouette di Byron…

IL QUADRO PRENDE VITA, IL PERSONAGGIO (Aurora Cerrito) SI GIRA, DICE LA PRIMA BATTUTA, SI MUOVE VERSO IL PUBBLICO E LO DESCRIVE, INSISTE SUL CONCETTO DI SUBLIME.

Base musicale di accompagnamento a The Wanderer

THE WANDERER ABOVE THE SEA OF FOG

Don’t dare compare me with Byron. I am the Wanderer above a sea of fog.

You couldn’t  see my emotions?  what I’m feeling watching this beautiful landscape? Now, I’ll tell you: I’m fully engaged with  NATURE,  looking and studying the landscape with amazement. The mountains in the distance on the right and on the left  come in a diagonal line to a vanishing point which ends here  where I am , there’s the fog that swils around me and around the rocky precipice, but your attention is on me, your perspective is mine.  I’m above the rocky precipice , in total solitude, and everything else is below , I’m the master of the sorroundings at the top of the world , but infact I’m just a tiny, tiny speck within the sorroundings. Look at the mountains and at the clouds , they are above me so it means that I’m still inferior to nature like any other man , nature will always be above man. Compared to nature I’m just a simple man and I don’t need to wear special dresses, like this hat or cane, to show off as a status symbol, because they do no longer matter in nature.  In fact, I’m showing a kind of admiration of the divinity of nature and the sublime sorroundings , because man is always outclassed by the power of nature and by its glory.

Emma: Hai capito…? Sembrava l’uomo dell’alta borghesia che domina la natura, invece è l’esatto contrario.. egli riconosce la presenza del divino nella natura  e ne rimane abbagliato.

The wanderer above the sea of fog – C.D. Friedrich

Il viandante sul mare di nebbia

Monologo immaginario

Traduzione a cura di Aurora Cerrito

Non osare paragonarmi a Byron. Io sono il viandante sul mare di nebbia. Non riuscite a  vedere quali sono  le mie emozioni? Che cosa provo osservando questo meraviglioso paesaggio? Adesso ve lo dirò: sono completamente immerso nella natura, scrutando e   studiando il panorama con stupore.  Le montagne in lontananza sia a destra che a sinistra giungono in diagonale a un punto di fuga che termina esattamente dove mi trovo. C’è la nebbia che circonda me e il precipizio roccioso, ma la vostra attenzione è posta su di me, la vostra prospettiva è la mia. Sono sopra al precipizio roccioso, in totale solitudine  e tutto il resto si trova al di sotto. Sono il padrone dell’ambiente che mi circonda, ma in realtà sono solo un piccolissimo punto dentro di esso. Osservando le montagne e le nuvole potrete notare che si trovano al di sopra di me proprio perché sono inferiore rispetto alla natura, esattamente come ogni uomo. La natura sarà sempre superiore all’uomo. Paragonato ad essa sono solo un uomo semplice e non ho bisogno di indossare abiti speciali, come questo cappello o questo bastone, solo per mettermi in mostra, perché essi non hanno  nessuna importanza nella natura. Infatti, mostro una grande ammirazione per la divinità della natura e per il sublime dell’ambiente, poiché l’uomo sarà sempre surclassato dalla forza della natura e dal suo splendore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...