racconti brevi, sport

Lasciatemi nuotare

di Rodolfo Bianchini

Pubblichiamo il racconto con cui Rodolfo Bianchini ha partecipato al Concorso letterario del Panathlon Club International per la promozione dei valori olimpici e del Panathlon.

riflessioni, sport

“Lasciate ogni speranza o voi che entrate”

di Ludovico Begali

Prima di ogni partita con la mia squadra di calcio, mi immergo nei miei ricordi calcistici. Dai primissimi calci al pallone fino ad oggi, mi tornano in  mente le stesse emozioni che da quando ero piccolo riempiono la mia anima di gioia e amore per questo sport.

Uno dei miei luoghi calcistici preferiti è la “Fossa dei Leoni”, attuale campo della Società Atletico Carrara Dei Marmi, nella quale io gioco. Il campo della Fossa, come è comunemente conosciuto a Carrara, ha un grande valore storico perché è il campo che ha ospitato, dalla sua fondazione fino al 1955, la Carrarese, la principale squadra della mia città che oggi milita in serie C. Questo campo ha visto imprese epiche ed anche il periodo di massimo splendore della squadra locale: tra il 1946 e il 1948, infatti, la Carrarese ha partecipato al campionato di serie B, tuttora miglior risultato sportivo avuto dal club. La Fossa, chiamata così per il suo dislivello rispetto alla strada, diventò in quegli anni un fortino inespugnabile per qualunque squadra venisse a giocare a Carrara. La vicinanza del campo ai tifosi carraresi, sicuramente tra i più “rumorosi” e appassionati di tutti i campionati, creava un ambiente molto minaccioso che impauriva gli avversari della squadra locale e gli arbitri.

Lì, in quel campo, si è scritta la storia calcistica della mia città. Pensarci, ogni volta che batto con le mie scarpette su quel terreno, mi dà una motivazione smisurata. Nel mio piccolo, ritengo che giocare alla Fossa dei leoni sia un grande onore per l’importanza che ha avuto quel campo. Su uno dei muri che circonda il perimetro di gioco, vi è dipinta una scritta che dice “Lasciate ogni speranza o voi che entrate”:  il verso di un canto dell’Inferno dantesco che si addice pienamente alla caratteristica di questo posto: chiunque entri qua, non ha speranza di uscire vittorioso. La stessa scritta che leggevano gli storici giocatori della Carrarese negli anni della B, ogni volta che entravano in campo. Quelli che ottennero questo grande risultato sportivo soprattutto grazie alla spinta emotiva che porta con sé la mitica Fossa Dei Leoni.

articoli, sport

Harakiri Milan

Partita perfetta, ma il Gallo canta due volte

di Alessio Corsini

La migliore partita del Milan della gestione Giampaolo non coincide con una vittoria, a spuntarla è il Toro trascinato dal bomber nonché capitano Andrea Belotti.

I rossoneri giocano un primo tempo ad alti livelli: Piatek e Co. impensieriscono a più riprese la retroguardia granata e al 18° Piatek firma il vantaggio realizzando il rigore procurato dal compagno di reparto Rafael Leao; quest’ultimo rende Sirigu protagonista con una parata in controtempo su un suo colpo di testa molto angolato.

Nella ripresa il Milan va subito vicino al raddoppio con un’iniziativa personale di Romagnoli che si infila tra i due difensori Bremer e Lyanco, serve poi Piatek al centro ma il polacco spreca.
Al 72° Belotti si mette in proprio, sfida la difesa rossonera e sorprende Donnarumma con un tiro non angolato ma ben calibrato.

Dopo il pareggio il Milan si disunisce, il Torino galvanizzato completa la rimonta e Belotti con una rovesciata fa esplodere la “Maratona”.

Nel finale Piatek cestina un’occasione importante e si fa ipotizzare da Sirigu.
6 punti in 5 partite, Giampaolo è già sulla graticola.
Mangerà il panettone milanese?

articoli, sport

Nel blu dipinto di blu

di Alessio Corsini

“E allora diciamolo tutti insieme, quattro volte: siamo campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo!”
Ebbene sì, sono già passati 13 anni da quella indimenticabile notte nella quale i ragazzi hanno lottato, hanno sofferto. Nello sport non è tutto facile, bisogna lottare.
Fa parte delle qualità di una squadra e doveva per forza finire così, come disse l’allora ct Marcello Lippi. 

I campioni di Berlino 2006


Oggi come allora è più bello essere italiani perché riviviamo i brividi, le emozioni di quel magico 9 luglio 2006.
Ed è proprio da qui che i ragazzi di Mancini devono ripartire per fare sognare in grande tutti noi perché nel calcio noi italiani vogliamo dominare… 
I mood sono due.
Testa bassa e pedalare. 
Testa alta e giocare a calcio.
Scegliete voi da che parte stare…

Non c’è tempo per aspettare, se le altre nazionali corrono noi dobbiamo volare! 

articoli, sport

Il nuovo Milan: sempre più made in Italy

di Alessio Corsini

Per ripartire il Milan sceglie di affidarsi a Marco Giampaolo, tecnico abruzzese che si è messo in mostra nella scorsa stagione alla guida della Sampdoria; il contratto lo legherà al Milan fino al 30 giugno 2021, con opzione per il rinnovo fino al 30 giugno 2022. 

Era il tassello che mancava per completare l’organigramma rossonero.

Sul fronte acquisti saranno determinanti la sua figura e le sue richieste, in tal senso si muoverà il mercato del Milan.

Schick e Giampaolo nella Sampdoria

Secondo le prime indiscrezioni Giampaolo vorrebbe riportare nel club di via Aldo Rossi Patrick Schick, giocatore che alla Roma non ha reso come ci si aspettava ma potrebbe ritrovare quella continuità che lo aveva caratterizzato proprio sotto la guida di Giampaolo alla Sampdoria.

Il sogno del Milan: Torreira

Oltre a lui il neotecnico vorrebbe tornare ad allenare Torreira. Dal canto suo, il ragazzo sarebbe ben felice di tornare in Italia: l’uruguaiano, infatti, non è soddisfatto dell’esperienza in Inghilterra nonostante la stagione più che positiva disputata con la maglia dell’Arsenal.

La chiamata di Giampaolo, come ha detto il suo entourage, sarebbe speciale, ma per convincere i Gunners a cederlo, servono almeno 35 milioni.

Troppi per le casse del club rossonero.

In alternativa il Milan potrebbe puntare con decisione su Stefano Sensi, ad oggi forse la pista più calda tra quelle in piedi. Le trattative con il manager Riso sono state avviate da tempo, ma la distanza col Sassuolo c’è e va ridotta. E nelle ultimissime ore si è aperto un vero e proprio derby con l’Inter.

Giampaolo ha le idee chiare sul modulo: 4-3-1-2,  modulo che secondo l’ex Presidente Silvio Berlusconi ha reso il Milan la squadra più forte del mondo quando Arrigo Sacchi era in panchina.

I tifosi rossoneri possono ben sperare…

articoli, sport

Il lupo perde il pelo ma non il vizio: Ibra l’ha fatto brutto ancora una volta

di Alessio Corsini

Giocatore finito?  Zlatan non ne vuole sapere e smentisce, come al suo solito, tutti.

Il ruggito del leone



Minuto 83′: dopo aver ricevuto palla in seguito a una rimessa laterale stoppa di petto, tocca con il destro e non ci pensa due volte a scaraventare la palla in porta con una potente rovesciata. 
Il Goal è diventato presto virale sui social, ma non è bastato ad evitare la sconfitta ai suoi Los Angeles Galaxy, battuti 2-1 dal New England (gara disputata alle 4,30 ora italiana del 3 giugno).
Lo svedese continua a stupire e a dare spettacolo in MLS nonostante la carta d’identità reciti 38 da compiere ad ottobre.

Il Goal è una Ronaldata?

No… è semplicemente Ibracadabra!

articoli, sport

La prima volta non si scorda mai

di Alessio Corsini

La prima Champions di Jürgen Klopp, è apoteosi Liverpool. La tuta è un talismano: dopo Sarri in Europa League, anche Klopp si presenta in tuta e vince la Champions.

I giocatori festeggiano Klopp

L’Estadio Wanda Metropolitano di Madrid si tinge di rosso grazie alle reti di Salah, che la sblocca su calcio di rigore dopo un minuto, e Origi, che archivia la pratica all’87°.

Il Liverpool si prende così la sua rivincita dopo la disfatta di Kiev (26 maggio 2018) e incorona il sogno, facendo della stagione 2018/2019 un autentico capolavoro.

La finale che tutti ci aspettavamo: la classica finale inglese. Una partita molto combattuta e sentita in cui regnano tensione e aggressività. Nel secondo tempo il Tottenham ci prova, ma non riesce ad abbattere il muro innalzato da Alisson in primis e dai compagni di reparto, poi ci pensa Origi a mandare letteralmente i reds in paradiso.

Ripercorriamo alcune delle tappe cruciali prima di arrivare alla finalissima di Madrid:

  • Liverpool-Napoli 1-0 (34° M. Salah): i reds si qualificano agli ottavi;
  • Bayern Monaco-Liverpool 1-3 (Mané 26°, J. Matip 39°, Van Dijk 69°, Mané 84°), dopo lo spento 0-0 d’andata i reds espugnano l’Allianz Arena;
  • Martedì 7 maggio ad Anfield va in scena la massima espressione del calcio: Liverpool- Barcellona 4-0 (Origi 7°, Wijnaldum 54°, Wijnaldum 56°, Origi 79°).

Un trionfo del tutto meritato perché i ragazzi di Klopp hanno dimostrato di essere maturati: questo è stato possibile soprattutto anche grazie all’arrivo di Alisson, pagato uno sproposito vero, ma un valore aggiunto a tutti gli effetti; e così sono ormai un lontano ricordo gli errori del portiere Karius, pagati a caro prezzo nella finale contro il Real.

Probabilmente il Liverpool dell’anno scorso non avrebbe vinto questa partita. Adesso invece è un Liverpool stellare, vincente: Fama vincendo crescit.

articoli, sport

Fognini, il campione di tennis, da cavallo pazzo a padre felice. Forza azzurri al Roland Garros

di Jacopo Martinelli

Fabio Fognini, nato a Sanremo il 24 maggio 1987, è un tennista specialista della terra rossa, superficie sulla quale ha conquistato otto dei nove titoli del circuito ATP vinti in singolare, tra cui spicca il Masters 1000 di Montecarlo del 2019: successo prestigioso in quanto si tratta dell’unica vittoria italiana ottenuta nel Principato nell’era Open, impresa realizzata 51 anni dopo quella compiuta da Nicola Pietrangeli.
Il successo di Montecarlo ha consentito a Fognini di raggiungere il 12º posto nella classifica mondiale, lo scorso 22 aprile 2019. Nelle prove di singolare dei tornei del Grande Slam Fabio vanta i quarti di finale al Roland Garros del 2011.
Nel doppio ad oggi ha vinto cinque tornei ATP, di cui tre in coppia con Bolelli; il match più importante della sua carriera e della coppia è stato senz’altro quello con cui Fabio e Simone hanno conquistato l’Australian Open 2015, unico successo di una coppia italiana in un torneo maschile del Grande Slam nell’era Open. Prima di loro, l’impresa era riuscita soltanto a Nicola Pietrangeli e Orlando Sirola, che vinsero agli Internazionali di Francia nel 1959.
Fognini è conosciuto per la qualità dei suoi colpi, ma anche per il temperamento particolarmente grintoso, che gli ha impedito di ottenere maggiori successi; tuttavia il matrimonio con Flavia Pennetta, una delle migliori tenniste dell’ultimo decennio – ritiro dal tennis agonistico nel 2015 annunciato mentre alzava la prestigiosa coppa agli US Open – e la successiva nascita del figlio Federico lo hanno trasformato, permettendogli di raggiungere un migliore equilibrio ed una maggiore sicurezza. Proprio in questi giorni l’Italia ripone le speranze in lui, oltre che nella sorpresa Caruso, sui campi rossi di Parigi: per ora ha superato il connazionale Seppi ed il temibile argentino Delbonis. Incrociamo le dita in attesa delle prossime sfide per Fabio, con Bautista Agut, e per Salvatore, con il n° 1 del mondo Djokovic.

articoli, sport

Il sogno della Carrarese si ferma a Pisa

di Ludovico Begali

All’Arena Garibaldi di Pisa termina il sogno della Carrarese: la squadra di mister Baldini è stata piegata per 2 a 1 dai nerazzurri del Pisa guidati da Luca D’Angelo, alla fine di un percorso, comunque straordinario, nei play off del campionato di calcio di serie C 2018-19. Al gol del capitano del Pisa Davide Moscardelli ha risposto la rete di Cassio Cardoselli che aveva fatto ben sperare la tifoseria gialloazzurra. Nel secondo tempo, però, il Pisa ha surclassato sul piano fisico e tattico la Carrarese e al minuto 76 ha trovato il gol che ha siglato il risultato finale con Gucher. Le due squadre erano reduci dal pareggio 2-2 al “Dei Marmi” ma, complici anche i due turni precedenti dei play off disputati dai ragazzi di Baldini, la formazione di Carrara si è dovuta arrendere ad un Pisa superiore sotto ogni punto di vista.

Il match non si è giocato solo in campo: le due tifoserie, legate da gemellaggio, hanno dato un incredibile contributo alle loro rispettive squadre, nonostante il grande divario nel numero di supporters sugli spalti.  Per la Carrarese c’erano circa duemila tifosi contro gli ottomila del Pisa.

Per la Carrarese, uscita onorevolmente dai play off, dopo un cammino emozionante che ha acceso i cuori dei suoi tifosi, resta comunque l’orgoglio di un’annata calcistica giocata con grande impegno e spirito di sacrificio.

articoli, sport

La Lazio ha nel DNA la Coppa Italia

di Alessio Corsini

Date a Cesare quel che è di Cesare e alla Lazio quel che è della Lazio. Coppa Italia trionfo biancoceleste, battuta l’Atalanta 2-0: vale l’Europa. I sogni di Capitan Papu e compagni svaniscono così, proprio sul più bello devono arrendersi davanti ai padroni di casa. Ubi Maior, minor cessat.


A decidere il match due giocate individuali di Milinkovic Savic all’82° prima e del “Tucu” Correa al 90° poi, due autentici colpi d’autore: succede tutto nel finale insomma… il dolce epilogo di quello che è stato un cammino straordinario dei ragazzi di Inzaghi che hanno superato duri ostacoli come Inter (ai quarti) e Milan (in semifinale).
E per la Lazio è la settima meraviglia da aggiungere alla bacheca, la sesta Coppa Italia vinta negli ultimi vent’anni: nessuno come la squadra biancoceleste dal 1998 in poi. Possiamo quindi asserire che questa è la Coppa della Lazio.
È doveroso infine spendere due parole sulla Dea: alzi la mano chi pensava che potesse arrivare in finale a inizio stagione, probabilmente nessuno! Ma questo è il Calcio, pronto sempre a smentirci e a regalarci emozioni proprio come le lacrime virili del Patron Percassi prima di una partita che avrebbe potuto cambiare la storia dei tifosi atalantini. Una scena davvero commovente. Chissà che non possa essere invece il preludio di una rivincita per l’anno prossimo… Never say never.